[ZOATROPIA] Blade Runner 2022: Black Out (2017)

Blade Runner 2022 Black Out

Disponibilità in Italia: Crunchyroll

Bozza

Blade Runner 2049 uscirà questo ottobre nelle sale cinematografiche italiane, ma per soddisfare i fan e curiosi che vogliono vedere qualcosa prima del tempo, Villeneuve scelse di far girare 3 corti ambientati prima del film stesso, in modo da contentare e fare ottimo marketing, visto i registi scelti per dirigere i suddetti cortometraggi.

Due corti live-action (diretti entrambi da Luke Scott) sono già stati pubblicati sul canale Youtube ufficiale della Warner Bros, mentre il pezzo finale del trittico è animato e diretto dal noto Shinichiro Watanabe (Cowboy Bebop, Samurai Champloo, Space Dandy, , ), ed è arrivato in anteprima su Crunchyroll e VRV il 26 settembre 2017, disponibile per tutti i territori tranne quelli asiatici.

Strano però che abbia dovuto vederlo via l’app Crunchyroll per PS4, perchè sul sito non me lo fa vedere, quindi l’ho visto in audio originale, cioè testi e dialoghi in inglese, ma da oggi è disponibile anche via browser (senza sottotitoli

Blade Runner 2022 Black Out los angeles

Oltre ad essere l’unico corto animato dei 3, è quello che si presume funga da vero prologo, ambientato nel 2022, 3 anni dopo gli eventi dell’originale Blade Runner, e precedente anche agli eventi degli altri 2 corti. E di fatti è quello che racconta una storia che sembra essere più rilevante per gli eventi di Blade Runner 2049, il vero prologo del film live-action di Villeneuve.

Solitamente discutiamo della premessa qui, ma essendo questo un corto di 15 minuti, parliamo della trama e narrativa direttamente nel paragrafo sotto. Attenzione, ci sono SPOILERS, anche se sapere o meno cosa succede non cambia moltissimo l’esperienza, almeno in questo caso.

Inchiostratura

Come il sottotitolo implica, la trama di Blade Runner 2022 verte su un black out, ovvero un colpo EMP (essenzialmente una scarica energetica che disattiva apparecchiature elettroniche) messo a punto da una nuova generazione di Replicanti, la 8a (quelli dell’originale Blade Runner erano la 6a generazione), creata dalla Tyrell Corporation per avere di design una normale longevità umana.

La ribellione di questi nuovi Replicanti parte dal fatto che con la loro diffusione massiccia, masse inferocite di umani gli danno la caccia e gli uccidono (rivendicando “supremazia umana”) grazie ai loro dati messi in registri pubblici, ed il colpo EMP è fatto apposta per mandare gli umani nel caos e mettere fine al sistematico linciaggio di una popolazione rabbiosa e pronta a sfogarsi sul nuovo anello debole, invece che al tacco che gli schiaccia, come al solito.

Blade Runner 2022 Black Out look who's back

La trama vede un Replicante, Cygnus (un ex-soldato), salvare un’altro replicante femmina, Trixie, per attaccare (coordinati con altri agenti che lottano per la loro causa) una delle basi in cui tengono le varie batterie di riserva, in modo che il black out non sia impedito da generatori d’emergenza. Il colpo riesce e l’incidente affossa la Tyrell Corporation, mettendo fine al progetto Replicanti per almeno una decade, prima che una nuova compagnia, la Wallace Corporation (che sarà presente in Blade Runner 2049 come l’ostile megacorporazione), non proponga un nuovo tipo di Replicanti alle alte sfere di potere…

La cosa interessante è vedere come Watanabe ha tributato molto Scott, con la Replicante Trixie combatte e si muove in maniera acrobatica (rievocando Pris dell’originale film), e l’estetica che ovviamente replica (ahr ahr) quella del film di Scott, ed incredibilmente bene, con bellissime visuali della iconica Los Angeles cyberpunk, tra la pubblicità della geisha, gli svettanti palazzi, le auto volanti, è Blade Runner, legittimo Blade Runner, non un’imitazione da due soldi.

Ciònonostante, si sente anche il tocco di Watanabe (che qui scrive e dirige) nelle scene d’azione, assai dinamiche e con un eccelso ritmo ai combattimenti che contraddistingue le produzioni del regista nipponico. Il formato costringe a stringere la narrazione relegando la backstory a schermate di testo ad inizio e fine corto, ma i personaggi sono accattivanti e gradevoli quanto serve, visto che c’è poco tempo a disposizione per una caratterizzazione approfondita, ma nonostante queste limitazioni il corto riesce comunque a toccare bene i temi tipici di Blade Runner e del cyberpunk in generale.

Blade Runner 2022 Black Out trixie

É un’ottimo corto, conciso, che riesce a comprimere belle scene d’azione, espandendo la storia e lore della serie di Blade Runner, tributandone alla perfezione l’estetica, svolgendo benissimo il suo ruolo di prologo, di antefatto alle vicende di Blade Runner 2049, ma essendo incredibilmente godibile anche preso in e per sé.

Una sorpresa è che l’animazione è stata curata principalmente da Cygames Pictures, sì, lo studio noto per Granblue Fantasy ha un ramo d’animazione, ed è un’impressionante debutto, anche se sono intervenuti altri studi d’animazione più noti nella produzione (il che spiega – in parte- le diverse tecniche usate in sequenze con uno stile leggermente diverso ma che non stona nel complesso), il lavoro fatto è ottimo, tanto che per un attimo mi sono scordato che originariamente Blade Runner non era animato (estetica cyberpunk ed animazione vanno molto a braccetto, secondo moi).

Colpi di china

C’è un grosso problema in Blade Runner 2022: finisce subito.

Anche sapendo in anticipo che era un corto (diretto da Shinichiro Watanabe) pensato per fare da breve prologo all’imminente Blade Runner 2049, Black Out è così ben realizzato che fa venir voglia di vedere un adattamento anime di Blade Runner, se questa è la qualità di visuali, di animazione (tranne alcuni minuscoli frangenti, ma sono minuzie) e di regia che si può avere per un corto animato di 15 minuti.

Blade Runner 2022 Black Out geisha crash

Ed è un peccato perchè credo che questo sarebbe potuto facilmente essere un OVA di 30-40 minuti (non necessariamente un lungometraggio), perchè una maggiore durata avrebbe permesso una migliore trama e soprattutto migliore caratterizzazione, soprattutto quest’ultima che qui deve essere fatta al volo, un peccato che il progetto fosse questo e Warner Bros abbia concesso (evidentemente) solo qualcosa che è un gustosissimo aperitivo per pubblicizzare l’imminente seguito di Blade Runner.

Decisamente il corto più interessante dei 3 girati per la promozione del film, che soddisfa in pieno le altissime aspettative che si creano con l’idea di un corto anime di Blade Runner diretto da un regista anime acclamato e rispettato come Shinichiro Watanabe.

Rimane da vedere se ci saranno problemi di comprensione della trama di BR 2049 senza vedere questo, ma dubito, e lo scopriremo tra poco più di una settimana, quando il film arriverà nelle sale italiane. A presto per quella recensione, cya!

Una risposta a "[ZOATROPIA] Blade Runner 2022: Black Out (2017)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...