[EXPRESSO] Mary E Il Fiore Della Strega (2017) | Tiny Witch Academia

Mary E il Fiore Della Strega 2017 locandina.jpg

Non ero certo se recensire Mary Ed Il Fiore Della Strega (motivo per cui leggete questa recensione ora, ben oltre il breve periodo per cui il film è stato nei cinema italiani), perchè – e qui mostro figurativamente il derriere, se volete fare tiro a bersaglio… – non ho visto molti film Ghibli (oltre a clip), giusto un paio, questo è.

E sì, potreste dire (dopo avermi crocifisso) che questo NON è dello studio Ghibli, e difatti non lo è, infatti è il primo film dello Studio Ponoc, ma tra lo staff composto da molti ex-membri dello Studio Ghibli, l’estetica e la storia, questo non è un film Ghibli, ma… andiamo, lo è.

Come se ciò fosse un problema (anzi).

Nell’Inghilterra di periferia c’è Mary, una bambina venuta nella casa di campagna della prozia un po’ prima del previsto, che si sente un po’ inutile ed annoiata. Un giorno inseguendo uno dei gatti si ritrova nella foresta – dove le hanno detto di non andare -, e trova uno strano fiore, che lei schiaccia per sbaglio, ottenendo inavvertitamente poteri magici e dando energia ad una scopa da strega, che la porta ad un’accademia di magia tra le nuvole.

Arrivata là, in una catena di malintensi e fraintendimenti viene arruolata all’accademia per l’incredibile magia che dimostra ai rettori della scuola, ma presto Mary scopre che c’è molto di più a quel mondo così meraviglioso e strano per lei, e non tutto è gradevole ed incantato come sembra.

L’animazione è superba, i design deliziosi, i personaggi gradevoli (alcuni molto divertenti), la comicità fisica molto ben riuscita, le visuale fantastiche, ma la sceneggiatura poteva essere meglio, ed in tutta onestà direi che è “solo” più che decente, nulla di superlativo nel complesso, MA non scartatelo per questo, merita decisamente di esser visto comunque.

decaffeinato icona