Gamera-Thon [INTRO + REGOLE]

gamera-gif-10

Chi è Gamera? (PARTE 1)

Se sembra un emulo di Godzilla…. lo è. Non v’è alcun dubbio che la Daiei guardò al successo di Godzilla e disse “lo posso fare anch’io”. E lo fece, ma abbassando il target, ed indirizzandosi specificatamente ai bambini, che qui sono protagonisti vicariosi del pubblico giovane per cui i Gamera erano fatti. Certo, sono b-movie con mostri giganti, non sono esattamente fatti per un pubblico che cerca intrattenimento “adulto” a prescindere, ma ancor più di Godzilla (anche se paradossalmente alcuni film di quella serie sembrarono voler cercare il pubblico di Gamera, come Godzilla’s Revenge), l’idea è che dovreste essere armati di cappellino, essere alti un metro e poco più, avere 10/12 anni ed emozionarvi senza contegno all’idea di vedere i Power Rangers.

A parte l’altezza, non sono poi molto diverso da questo profilo, ma seriamente, se siete amanti di b-movies nipponici con i mostri ed avete sopra i 18 anni…. non è esattamente quello che vorrete vedere, a meno che non adoriate vedere pargoli irritanti che sono al centro del film e si intromettono, come incuranti di genitori e parenti che cercano di evitargli un prematuro incontro con il Tristo Mietitore, e che NON sono presi a calci in culo ed allontanati a forza da scene di distruzione con mostri giganti, missili, etc.

Detto questo, non sorprende che il primo film, Gamera The Giant Monster (poi ripubblicato sotto il nome di “Gammera The Invincible”, con scene nuove fatte da e con americani per questa versione , come capitò all’originale Godzilla al giungere su suolo statunitense), fu un successo, specialmente tra i bimbi, e quindi iniziò un’altra lunga serie di film con mostri nipponici/poveracci in tute di gomma che spasticano contro modellini, magari perchè vedono o poco o niente dove vanno. Una nata inseguendo la coda del Big G, ma una che si differenziò nel tempo e divenne un franchise con una sua personalità.

Diavolo, nel 1996 “tarta boy” ebbe anche un suo fumetto, con Gamera: Guardian Of The Universe, serie di 4 volumi pubblicata (e mai ripubblicata) da Dark Horse Comics in america, e mai in italia.

La serie cinematografica è composta da 12 film, divisi in 3 ere: l’era Showa (1965-1980), l’era Heisei (1995-1999), e la sfortunata era Millennium, con Gamera: The Brave (2006) che fu il primo ed ultimo film di questa era, e l’ultimo in generale, che praticamente sigillò il destino di Gamera per ben 12 anni, ad oggi. Certo, ci fu quel trailer “prova di concetto” mostrano al Comic-Con del 2015 (che era anche promettente) ma da allora non si ebbe nessuna notizia, e l’unica apparazione da allora fu nel videogame del 2017 City Shrouded In Shadow per PS4, nel quale compariva assieme ad Ultraman, l’ EVA, i robot di Patlabor, ed altri simboli del cinema tokusatsu ed anime. Gioco mai uscito dal giappone, probabilmente per le beghe legali che sarebbero sorte per licenziare il tutto.

City Shrouded In Shadow PS4 gamera.jpg

Il che è in tema con le altre scappatelle di Gamera nel mondo videoludico, con titoli per Super Famicom, uno educativo per l’ignoto Namco Playdia (no, mai visto neanche in top ten di console oscure e sconosciute), e Gamera 2000 per PS1, nessuno di essi mai giunti su lidi occidentali. D’altronde inutile esportare titoli su licenza… quando “nessuno” conosce tale licenza.

Forse con il MonsterVerse…. ci voglio sperare. Non si sa mai.

‘NDO STAI, GAMERA? (PARTE 2)

Devo premettere che per fare questa maratona non ho pagato per quasi nessun film, cosa inusuale visto che al 99% se lo recensisco è perchè lo possiedo, od ho pagato un servizio che ha il film/serie tv/etc che voglio recensire.

Questo perchè Gamera non ha mai ricevuto la popolarità di Godzilla, e le poche collezioni trovabili su internet sono edizioni francesi o tedesche, senza nessuna garanzia che siano versioni integrali, con più lingue o sottotitoli, o che siano complete. Sì, esistono versioni americane, ma a quel punto mi rifiuto di dover importare, visto che nessuno ha ritenuto opportuno rilasciare su territorio europeo od in inglese una collezione completa di Gamera, un franchise che “morì” nel 2006 (capisco Godzilla che è ancora bello attivo, ma questo no), ma se in 12 anni nessuno si è preso la briga di raccogliere i 12 film della serie in un cofanetto, nessuno ha diritto di urlare “la pirateria danneggia” quando non mi hai voluto vendere la cosa in primis.

In questo caso, devi darmi motivo di spendere soldi, la vorrei una bella collezione di Gamera, ma non starò a pregare distributori e gente che in 12 anni non ha mostrato interesse a muovere un dito per profittare del franchise. “Ma la pirateria dann-” nello sfintere.

Gamera Vs Guiron locandina italiana.jpg

E francamente, anche se volete comprare i film per la vostra collezione, non aspettatevi di avere tutto, e già capire che film esistono in versione italiana è un casino, perchè alcuni uscirono nei cinema nostrani o su DVD, ma cadettero vittima della titolazione italiana di moltissimi kaiju movie (come accadde per molti Godzilla, d’altronde), quindi dovrete fare un po’ di ricerca prima di capire quale film è quale, visto che Gamera Vs Barugon fu chiamato “Attenzione, Arrivano I Mostri” ed esiste solo su VHS, o Gamera VS Guiron, uscito anch’esso in italia…. ma sotto il titolo “King Kong Contro Godzilla”……..

Da non confondersi con il vero King Kong VS Godzilla, che siete scemi? Da un lato quasi amo questi stupidi titoli italiani dell’epoca (come Godzilla VS Mothra chiamato “Watang! Nel favoloso impero dei mostri”), ma rendono la ricerca confusionaria e faticosa, oltre ad essere fraudolenti, capisco i motivi di marketing, ma andatevene affanculo, ruotando con i razzi nel culo nello spazio anche voi.

Ho trovato Gamera Vs Jiger in versione DVD italiana, sotto il nome “Kinkong- L’Impero Dei Draghi”, e l’ho comprato perchè trovato ad un prezzo umano su Amazon. Sono un fiero padrone di diverse tartarughe da anni, gli voglio bene al tartarugozzo spaziale, ma siete scemi se pensate che paghi 30 euro per Gamera Vs Gyaos (prezzo più basso visto su Ebay od amazon), uno dei pochi film di Gamera su DVD, rilasciati come parte di una tiratura limitata di 999 copie per film.

Anche cercargli su internet in modi legalmente torbidi è difficile, visto quanto vecchie sono certe edizioni italiane, se esistono, quindi ringrazio davvero il Bowling Ball Fansub (e Godzilla Italia, visto che è una collaborazione), che ha quasi tutta la serie sottotitolata, e che fa la cosa giusta, mettendo un link amazon quando il film viene licenziato per l’italia. Grazie davvero tanto.

REGOLE EXTRA DELLA GAMERATHON

tumblr_n4tkk2uu191tw9gyko1_500

Siccome la serie di Gamera ha le sue peculiarità, credo sia il caso di stabilire alcuni parametri di giudizio extra, che verranno esaminati con paragrafi e “voti” a parte per ogni singolo film, con un commento finale che riassume il tutto.

Per mitigare confusioni: userò i nomi inglesi dei film, con i titoli alternativi riportati nella dicitura AKA ad inizio recensione.

BAMBINI FASTIDIOSI METER: /10

Gamera non iniziò come tale, ma presto divenne l’”Amico di Ogni Bambino”, come si può notare dal fatto che sono molto più indirizzati verso un pubblico giovane (più di Godzilla, indubbiamente), e spesso hanno come protagonisti bambini, irritanti infanti della nipponica terra.

Quindi con una scala da 1 a 10 indicherò quanto vorrei uccidere/zittire i pargoli del film, e generalmente quanto sono presenti/importanti/irritanti per la trama.

WEIRDO KAIJU: /5

Godzilla ha una celebrata ed amata galleria di mostri per lo più “sensati”, con l’occasionale bizzarria come lo Smog Monster o Biollante, ma per lo più sono mostri dal design che ha un po’ di senso o dignità di sorta. A modo loro, si intende.

Gamera ha invece una galleria di rivali che tendono ad essere molto più strani e bizzarri nei design, come il mostro con l’ascia sulla testa, lo pterodattilo con la testa temperata con l’appuntino, ed in genrale cose che sembrerebbe poter benissimo essere infilate in un episodio di Power Rangers, vista anche la qualità di produzione inferiore a quella di un qualsiasi Godzilla, più a buon mercato di quanto fatto dalla Toho

Questo paragrafo e voto (scala da 1 a 5) valutano quanto strano/interessante è il mostro/i che combattono Gamera, e ciò comprende sia il design che i vari poteri/abilità dei kaiju stessi.

GORE METER /5

Certo, è una serie principalmente indirizzata ai bambini, ma è anche un franchise coi mostri giapponese, il sangue o menomazioni sono pressapoco garantiti, in qualche modo. Violenza/gore presenti nel film recensito, una scala da 1 a 5.

gamera-vs-gyaos-gamera-vs-viras.jpg

Ed è tutto, a domani per il primo numero della retrospettiva!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...