PRIMACREMA #11: La Sirena Cannibale

La Sirena Cannibale manga.JPG

Cosa: Volume 1 (J-Pop)
Dove: Fumetterie e negozi online
Potenziale: 2/5

I buoni amici vanno giù che è un piacere.

Era è una principessa sirena che vive allegra in fondo al mar (con il consenso della Disney, presumo) con i suoi amici pesci, ma quando Katsuo (un tonno striato con un muso comicamente umano) viene pescato, lei decide di andargli a dare l’ultimo saluto ad un ristorante di sushi, ma è convinta a mangiarlo da uno dei cuochi. E come si dice, un cannibalismo tira l’altro, con Era che è armata di buone intenzioni ma approfitta di vari incidenti che accadono a sue conoscenze per andarsele a mangiare dopo, mossa da un gusto perverso per il pasto proibito ma anche continuamente afflitta dalle sue azioni.

Beh, di sicuro non ci sono molti manga sul cannibalismo, ancor meno che NON sono horror. Il tutto è impostato come una commedia nera, con i pesci che sono disegnati in maniera buffa e/o parzialmente antropomorfizzati, con occhiali da sole, espressioni umane ed altri oggetti, come il pesce con il respiratore che è un ovvio riferimento ad Immortan Joe di Mad Max (chiamato appunto “Immortan Bro”), quando non ci sono cose come il Gillman di Creature From The Black Lagoon (ricreato con incredibile somiglianza alle fattezze nei film Universal, non in forma caricaturale) che scende nel mare a ricevere la paghetta di fine anno come tutti gli altri pesci. XD

Ma oltre le citazioni varie, c’è il fatto che la premessa rischia di diventare molto mononota, anche se nell’ultimo capitolo la storia prende una piega inaspettata con risvolti interessanti quanto clichè è il modo in cui lo fa. C’è del potenziale qui (ed è buffo vedere i ritratti funebri dei pesci nella stanza di Era, devo ammettere), ma in questo primo volume non è espresso, visto quanto la premessa generale è reiterata senza grosso sviluppo del personaggio di Era, che si strugge davvero per quello che fa, ma allo stesso tempo non è stata davvero forzata a mangiare il primo amico pesce.

La Sirena Cannibale gillman.JPG

Almeno il personaggio stesso non si autogiustifica completamente e sa di fare qualcosa di orrendo, ma è proprio al principio che questa idea sembra forzata nell’esecuzione, anche se su carta era buona, ed originale, devo riconoscere. Forse i successivi capitoli/volumi riusciranno a fare qualcosa con il tutto, a portare la trama verso uno sviluppo interessante, ma ho come l’impressione che il tutto non si muoverà mai davvero oltre quanto mostrato nel primo volume di un manga che sembra essere più premessa che altro, più titolo e presentazione che concetto pensato bene.

Felice di essere smentito più avanti, ma sembra più un’idea messa in atto prima che si fosse sviluppata in qualsiasi forma, uno dei quei film costruiti su un singolo sketch (neanche particolarmente brillante) e/o personaggio che funzionava in quel contesto, ma non necessariamente in altri. Mah. Vedremo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...