[EXPRESSO] Aquaman (2018) | Thanks For All The Fish

Aquaman 2018 locandina.PNG

Non sono familiare con il personaggio di Aquaman, se non via l’orrido videogame Battle For Atlantis ed il suo generale trattamento (come negli sketch di Robot Chicken) come un supereroe barzelletta. Ma quanto visto di lui in Justice League era divertente, e alla notizia che James Wan (meglio noto per l’originale Saw, The Conjuring, ma anche Fast & Furious 7) l’avrebbe diretto, si accese una speranza.

Ed onestamente penso che il signor Wan abbia fatto un ottimo lavoro. Molti degli elementi sono familiari ed aspettati visto il genere, la storia è essenzialmente la leggenda di Artù Pendragon intrecciata con quella di Atlantide, con al centro Arthur Rice, di padre umano e madre atlantidea, cresciuto sulla terra odiando il regno marino che gli ha portato via la genitrice, disinteressato ai drammi di corte ma forzato a riconquistare il suo legittimo titolo per salvare entrambi i mondi.

La trama non è nulla di originale, e non nasconde nessun colpo di scena davvero inaspettato, cosa comune a molti film di supereroi, d’altronde: quello che è importante sono i personaggi, l’esecuzione ed il worldbuilding, cose in cui Aquaman riesce molto bene, con un interessante mondo sottomarino pieno di variegati ed interessanti design misti tra fantasy & sci-fi, diversi tipi di razze umanoidi e creature, decenti personaggi e dramma, ottimo cast (che comprende William Dafoe) ed ottime scene d’azione, con occasionali e graditi sprazzi di horror e kaiju.

L’unico aspetto che lascia un po’ a desiderare è il cattivo (o meglio, i cattivi), migliore di quello in Justice League, senza dubbio, ma un po’ generico comunque. Peccato, perchè altrimenti il film di Wan riesce a dare al personaggio (e film) una sua identità (invece di pateticamente inseguire la Marvel), e pur durando quasi 2 ore e ½, scorre fluido come un ruscello alpino.

Buono!

expresso icona

Preview Of Upcoming Attractions GENNAIO 2019 (AGGIORNATO 23/1/2019)

Preview Of Upcoming Attractions GENNAIO 2019

Se vi siete persi il post di fine anno e siete confusi dal numero inferiore di recensioni promesse, vi rimando ad esso per maggiori informazioni.

-recensione EXPRESSO di Aquaman (2018)

-recensione EXPRESSO di Suspiria (2018)

-numero ZOATROPIA su Godzilla 3: The Planet Eater (2018)

-Recensione estesa di Benvenuti A Marwen (2018)

-Grind Cafè EX a tema yeti e mostri dei ghiacci

EDIT: annullata la recensione di Voglio Mangiare Il Tuo Pancreas (2018) perchè sono malato (e la mia salute ha priorità), lo recupererò e recensirò su Zoatropia appena esce su home video. Purtroppo non sono in condizione di fare un nuovo numero, ribadisco, non sto benissimo. Sorry.

[EXPRESSO] Justice League (2017) | Finity Wars

Justice League 2017 locandina

Per la cronaca, non ho visto Man Of Steel, Batman V Superman, ma ho visto Wonder Woman e Suicide Squad (ugh). Lo dico perchè so che qualcuno vuole sapere cose alla fine poco significanti, visto che anche adesso – nel pieno (?) boom dei supereroi – nessuno vuole rendere incomprensibile la trama di un film a chi non ha visto tutte le precedenti pellicole del franchise espanso, specialmente per questi film crossover.

Anche se un punto importante della trama presume FORTEMENTE che sappiate una cosa importante e spoiler del precedente film di Snyder, il che va bene, direi, visto come siamo abituati all’idea con quanto fatto da Marvel. E sì, non giriamoci attorno, è cristallino ed ovvio che Justice League vuole essere la versione DC di Avengers. Il che non aiuta molto a dissipare le critiche che i film di supereroi DC si beccano ormai a prescindere, che c’entri quella merda di Rotten Tomatoes (e gli ossessionati con le medie che danno così tanto valore a statistiche) o meno.

Lasciando perdere il pur vero fatto che questa è una “scopiazzatura” di Avengers, Justice League non è orribile, ed i personaggi che introduce non sono malvagi, anzi, ora sì che ho voglia di vedere Jason Momoa nel film dedicato al suo personaggio, perchè è divertente, ed il team formatosi ha una sua alchimia, ci sono momenti comici che funzionano (più del previsto, anche se a volte le battute cascano morte), peccato che siano performance “sprecate” per una trama con uno dei cattivi più insipidi e dimenticabili di sempre, che sembra ideato e scritto in mezz’ora durante la pausa pranzo. Un villain imbarazzante a dir poco.

Un’altro. Godibile per quello che è (mi aspettavo peggio, onestamente), ma “un altro”, solo stavolta dalla DC con effetti speciali peggiori. Nulla di speciale, davvero. spallucce

americano icona