[EXPRESSO] Star Wars: L’Ascesa Di Skywalker (2019) | My Pal, Friendpatine

Star Wars The Rise Of Skywalker 2019 locandina.jpg

Ok, leviamoci questo di torno, fino all’inevitabile prossima trilogia di Star Wars.

Ora, personalmente non mi piacque Il Risveglio Della Forza in quanto “100 super summer hits” di roba già vista decenni fa (e non vado pazzo per Star Wars, in generale), ma almeno quello aveva un punto, un qualcosa, oltre all’inaugurare una nuova trilogia. L’Ascesa Di Skywalker invece si impone solo di dare una chiusura ad essa, e riesce a far questo nel modo più inelegante possibile, cercando di “rettificare con vendetta” cose dal precedente film per farle incastrare a forza in questo.

Tanto a forza che hanno ripescato Palpatine, non è un segreto, è nel text crawl iniziale. Non saprei dirvi il come (pare fosse spiegato in una scena cruciale NON nel film, ma mostrata live in Fortnite), ma il perchè diventa chiaro: J.J. Abrams ha rifatto Il Ritorno Dello Jedi. E non è un’affermazione iperbolica, affatto, visto come ricopia quasi alla lettera numerosi momenti da Episodio VI, incurante dell’impatto sugli archi narrativi dei personaggi, e con una sceneggiatura parecchio imbarazzante.

Non ho mai letto fan fictions, sarò onesto, ma questo è ciò a cui penso quando sento il termine, un casino totale in cui accadono certamente cose, con enormi palate di fanservice messe per cercare di “placare le bestie”. Anche la presenza di Palpatine, pur gradita, è segno che neanche i gozzillioni della Disney evitano lo svergognato andare a staccare pezzi dalla trilogia originale, senza aggiungere nulla di sostanza.

Ci sono modi peggiori di passare 2 ore e mezzo, almeno è quel tipo di brutto che ad un livello basico basico intrattiene (nonostante sia una notevole regressione rispetto al film precedente), la trama scorre, cose succedono, ed è interessante nel modo in cui è un guazzabuglio totale nel nome di contentare gli incontentabili e di bieca codardia aziendale.

fondo di caffè icona

[EXPRESSO] The Cloverfield Paradox (2018) | Event-To-Video

The Cloverfield Paradox 2018 locandina

Ammiro e rispetto il peculiare approccio a Cloverfield come serie/franchise, anche se l’effetto negativo di esso è che non si capisce come i film sono collegati, di sicuro non semplicemente vedendoli. Ma alla fine non importa davvero.

The Cloverfield Paradox è un brutto film, uno davvero brutto. Vorrei dire che sono aspettative deluse, ma no, non sapevo neanche su cosa sarebbe stato il prossimo Cloverfield, all’improvviso esce come esclusiva Netflix, diverse riviste di settore dicono che è bruttissimo, e gli occhielli delle recensioni non sono affatto clickbait, hanno perfettamente ragione.

La premessa è che un gruppo di astronauti sta provando a far funzionare un generatore a particelle su una stazione spaziale, perchè se funzionasse l’energia ottenuta servirebbe a fermare le guerre tra nazioni, che si macellano per le poche fonti energetiche rimaste sulla Terra (e qui già c’è un problema, ma continuiamo). Dopo innumerevoli tentativi il generatore funziona senza problemi, ma causa l’eponimo “paradosso di Cloverfield”, ovvero gli scaraventa in una dimensione alternativa, dalla quale cercano di scappare.

Pessimo copione con il “tweest” banalissimo che vedete arrivare con un’ora d’anticipo, personaggi clichè nell’anima, regia che indulge fin troppo nell’usare il dutch angle, narrazione dal ritmo diseguale, per un film incostante anche nel suo ovvio voler essere Event Horizon/Punto Di Non Ritorno, con bizzarrie che accadono solo quando lo sceneggiatore se lo ricorda ed usa la carta “paradosso” come se fosse un jolly per infilare tutti i clichè dello sci-fi horror che vuole nel copione.

Ed è difficile fregarsene del conflitto sulla Terra quando è a malapena mostrato.

Sì, c’è J.J. Abrams di mezzo, ma tutto l’altissimo valore di produzione non vale niente quando saprete quasi subito dove andrà a parare il film e vi stuferete (tra le altre cose) di aspettare che la narrativa raggiunga la sua prevedibile “conclusione”.

Spazzatura.

fondo di caffè icona

P.S.: Un po’ deluso lo sono, visto che 10 Cloverfield Lane mi piacque molto.
Ma mi spiace, questo The Cloverfield Paradox fa schifo, se volete uno sci-fi horror recente, guardatevi Life- Non Oltrepassare Il Limite, mille volte meglio.

P.S.. 2: No, anche se si collega in maniera incredibile agli altri film della serie (cosa possibile, non lo escludo), la mia opinione non cambia sul film in sè, sto recensendo quello, il film che ho visto, non promesse e teorie.  Ed anche se l’avessi visto al cinema avrei avuto la stessa reazione, giusto per la cronaca.